Riapre a Venezia il Negozio Olivetti di Carlo Scarpa

Negozio Olivetti di Carlo Scarpa a VeneziaNessuna città più di Venezia ha una storia che s’intreccia così profondamente con la leggenda della Fenice, il sacro uccello mitologico che rinasce dalle proprie ceneri. L’esempio più celebre è certamente quello dell’omonimo Teatro, che risorge per ben due volte dai devastanti incendi che lo distruggono.
Ma esiste un altro gioiello della città che, pur con una storia certamente meno drammatica, ha rischiato seriamente di scomparire nell’oblio, riuscendo alla fine a riemergere in tutta la sua raffinata bellezza. Stiamo parlando del Negozio Olivetti, il cui allestimento venne affidato negli anni ’50 all’architetto Carlo Scarpa. Negli anni ’70 il Negozio diventerà anche sede di piccole mostre d’arte d’alta qualità, come quella dedicata a Dino Buzzati.
Il Negozio, situato sotto i portici delle Procuratie Vecchie in Piazza San Marco, verrà poi chiuso e abbandonato negli anni ’90. Dopo averne curato il restauro le Assicurazioni Generali, proprietarie del Negozio, ne hanno affidato la gestione al FAI (Fondo Ambiente Italiano) che lo riaprirà al pubblico a Febbraio 2011, restituendo così agli italiani un’icona del Novecento. Il Negozio diventerà “Museo di se stesso” e luogo di incontro, di informazioni e proposte culturali di alto livello.

“Non solo un capolavoro in sé, ma anche la dimostrazione di come l’Italia, muovendo dalla situazione in un certo senso deficiente in cui si era trovata dopo la Seconda Guerra Mondiale, conquisti un suo prestigio assoluto nel campo dell’architettura, proprio per quelle qualità legate ad un umanesimo di carattere profondamente artigianale, che è quello dei suoi architetti e dei suoi designer” (Fulvio Irace)

Annunci

Informazioni su veneziavive

Guida Turistica, Fotografo, Cuoco, Blogger. Walter's links
Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Riapre a Venezia il Negozio Olivetti di Carlo Scarpa

  1. veneziavive ha detto:

    Doveva essere a febbraio, ma alla fine è stato ad Aprile, l’importante è che finalmente questo gioiello della storia dell’architettura italiana sia stato restituito alla città.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...