Salotto Musicale a Venezia

Evento Musica Venezia
Visita guidata e concerto a Palazzo Marin

L’Altra Venezia è lieta di presentare, in collaborazione con Francesca Canova, la nuova proposta “Salotto Musicale”, con visita guidata ad un palazzo nobiliare veneziano, seguita da un concerto privato di musica da camera.

Nel cuore di Venezia si trova una casa ricca di storia e di fascino.
Il suo nome è Palazzo Marin, un edificio del Cinquecento che custodisce un bagaglio storico-culturale di grande rilevanza, non solo per la bellezza del suo piano nobile, dove si possono ammirare affreschi di scuola tiepolesca, mobilio d’epoca e arazzi pregiati, ma anche perché verso la fine del Settecento trascorse qui il primo periodo del suo matrimonio la nobildonna Isabella Teotochi Albrizzi.

Le voci giunte fino a noi narrano che la giovane sposa originaria di Corfù diede vita ad un esclusivo salotto culturale,,accogliendo regolarmente personalità dell’epoca come Foscolo, Canova e Pindemonte, solo per citarne alcuni.

Salotto musicale a Venezia

Grazie ad una Guida d’eccellenza si andranno a scoprire le splendide stanze di questo palazzo, la storia e le curiosità che esse portano con sé, e dove, a conclusione della visita, si potrà ascoltare un raffinato concerto di musica da camera.

Grazie all’acustica perfetta dei saloni affrescati ci si potrà immergere nell’atmosfera del tipico salotto ottocentesco, accompagnando lo spettatore in un originale viaggio attraverso l’arte e la bellezza.

Concerto da camera a Venezia

L’appuntamento è previsto solitamente di domenica mattina (vedi date sotto), in Campo Santa Maria del Giglio (a due passi dalla fermata del vaporetto linea 1 “Giglio”).

L’evento dura un’ora e mezza circa.

Ritrovo ore 10:45 davanti alla chiesa di Santa Maria del Giglio:
https://goo.gl/maps/83H6nPjyBKMvW66E6

Numero max partecipanti per singolo evento: 25 persone.

E’ richiesto il Green Pass per l’ingresso a Palazzo.

Prenotazione obbligatoria via email : info@laltravenezia.it

PROSSIME DATE

Domenica 19 Settembre 2021

Visita guidata del Palazzo

Dott. ssa Paola Salvato

Concerto Duo del Giglio

Musiche di Schumann e Tchaikovsky

Pietro Silvestri – violoncello

Tommaso Boggiam – pianoforte

Domenica 03 Ottobre 2021

Visita guidata del Palazzo

Dott.ssa Paola Salvato

Concerto Duo Vecchiato Bocchese

Musiche di Ravel, Gaubert e Ravel

Andrea Vecchiato – flauto

Elisabetta Bocchese – pianoforte

Pubblicato in Eventi | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Zone di Sensibilità Immateriale

Zone di Sensibilità Immateriale 
A cura di Stefania Carrozzini

Inaugurazione:  15 settembre  ore 18.00
dal 15 al  30 settembre,  2021

La Galleria Sant’Eufemia, in collaborazione con MyMicroGallery, è lieta di annunciare ”Zone di Sensibilità immateriale”, una mostra a cura di Stefania Carrozzini, a cui partecipano dodici artisti provenienti da diversi paesi:  Francia, Germania, Finlandia, Italia, Norvegia, Regno Unito, Stati Uniti.  Si tratta di un progetto internazionale e di un concetto itinerante che coinvolge artisti dai vari linguaggi espressivi, ma che condividono la stessa sensibilità verso l’immateriale. Molto tempo è passato da quando Yves Klein pensò alle “Zone di Sensibilità pittorica immateriale”, ovvero la vendita di spazi vuoti in città in cambio del corrispettivo in oro (Parigi 1959), un progetto che rientrava nella ricerca dell’artista di universalità nell’arte e nella vita  e che anteponeva il Vuoto e l’assenza ad ogni realizzazione materiale. 
In questa mostra invece le opere sono ben visibili, ma il titolo conserva ancora tutto il suo fascino generando nuove estensioni concettuali che vanno  oltre la storicità dell’evento per intraprendere nuove strade comunicative. L’intento è  anche quello di mettere  il visitatore in condizione di  domandarsi, di confrontarsi con sé stesso attraverso le opere degli artisti.
Le parentesi del quotidiano, quelle zone di conforto o anche di sconforto dove aleggiano i nostri pensieri, tessono un linguaggio che poi si traduce in immagini,  percezioni di un “oltre” che si rivela ed affiora alla coscienza trovando tutte le vie possibili per manifestarsi.  Un gesto, un traccia su un muro, uno spazio percepito come infinito, il limite come spazio abitabile, il desiderio di disincanto e di leggerezza, sono le poetiche presenti nei lavori degli artisti che fanno parte di questa mostra, tra installazione, fotografia, pittura e scultura.  Le Zone di Sensibilità Immateriale sono luoghi mentali che la creatività fa propri, ponendo il “sentire” come momento contemplativo privilegiato per poter accogliere dimensioni altre che sfuggono ad un occhio distratto.   Questa mostra si propone infine di far riflettere sul tempo presente della creatività che trova corpo dove meno ce l’aspettiamo: tutto può essere fonte di ispirazione se si ci pone all’ascolto.  Abitare le zone di sensibilità immateriali significa vivere connessi con il presente e con la nostra sorgente interiore. 

La mostra ZONE DI SENSIBILITA’ IMMATERIALE , a cura di Stefania Carrozzini  sarà visibile fino al 30 settembre 2021 con i seguenti orari: da martedì a sabato dalle 12 alle ore 18. 

Galleria S. Eufemia
Giudecca 597 VENEZIA, 30133 Italy
Pubblicato in Esposizioni e Mostre | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Visite de la lagune de Venise en bateau privé

BATEAU À MOTEUR PRIVÉ (AVEC PILOTE) POUR DES EXCURSIONS DANS LA LAGUNE ET EN MER

Tour des îles de Venise

Venise Autrement propose un nouveau service dédié à ceux qui aiment la navigation et souhaitent passer une journée à visiter le lagon ou la mer de Venise à bord d’un bateau à moteur Boston Whaler Conquest très confortable.
Un service exclusif qui vous permet de vivre une expérience unique et de visiter des lieux spéciaux.

Nous vous emmènerons nager dans les eaux les plus propres de la lagune et visiter des îles hors des sentiers battus.
Parfait pour une journée en bateau pour toute la famille, pour des groupes d’amis ou pour des couples qui souhaitent découvrir la lagune de Venise de manière authentique.

Lagune de Venise

Itinéraire

On part de Marina Fiorita, ou d’un lieu de votre choix entre Sant’Elena et le Lido de Venise. Il est également possible d’embarquer depuis un autre lieu convenu, notre marin viendra directement vous chercher à l’hôtel ou à un autre point d’embarquement sur demande.

Nous vous proposons une navigation le long des îles de la Lagune Nord, puis, à votre guise, vous pourrez visiter Murano, Burano et Torcello, ou Sant’Erasmo ou Lazzaretto Nuovo. Destination fixe : le Baccan ou le Canale di San Felice, où vous pourrez plonger dans les eaux propres de la lagune.

Vous pouvez également choisir la Lagune Sud, naviguer entre les îles de San Giorgio, San Servolo et San Lazzaro, puis vous arrêter devant l’île de Poveglia, jeter l’ancre et nager.
En continuant ensuite pour les Alberoni, il est possible de s’arrêter aux bords de “l’ex peocere”, autrefois une mytiliculture, puis d’aller visiter Pellestrina ou, pourquoi pas, jusqu’à Chioggia, et savourer les saveurs du célèbre village de pêcheurs.

Si on le souhaite, il est également possible de longer tout le Lido de Venise, à la recherche d’un coin inconnu, une plage déserte, comme celles sauvages de Pellestrina.

Des coins de mer à l’abri du tourisme où les tortues arrivent encore et l’eau est claire.

Notre marin vous emmènera là où vous le souhaitez, en explorant des recoins du lagon autrement inaccessibles aux visiteurs, à la découverte de la lagune vénitienne, la lagune la plus authentique.

Les îles de Venise en bateau

Tours privés du lagon avec un bateau confort classique, pour le tourisme nautique, pour visiter tous les sites de la lagune, pour nager, bronzer et même pêcher !

Le bateau peut également être loué pour des sorties en haute mer et des excursions jusqu’à Caorle.

Durée : demi-journée ou journée complète

MAX 6 personnes

Nous vous rappelons également toutes les autres excursions en bateau de Venise Autrement, y compris la nouveauté de cette année : Bateau & Vélo

Pour informations et réservations : info@laltravenezia.it

Logo Venise Autrement
Pubblicato in News | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Venice lagoon tour by private boat

PRIVATE MOTORBOAT (WITH DRIVER) FOR EXCURSIONS IN THE LAGOON AND AT SEA.

Venice lagoon tour by private boat

The L’Altra Venezia TO offers a new service dedicated to those who love boating and want to spend a day visiting the lagoon or the sea of Venice aboard a very comfortable Boston Whaler Conquest motorboat.
An exclusive service that allows you to live a unique experience and visit special places.

We will take you to swim in the cleanest waters of the lagoon and to visit islands off the beaten track.
Perfect for a day on a boat for the whole family, for groups of friends or for couples who want to experience the Venice Lagoon in an authentic way.

Venice lagoon

Itinerary

It starts from Marina Fiorita, or from a place of your choice between Sant’Elena and the Lido of Venice. It’s also possible to board from another agreed place, our sailor will come directly to you at the hotel or at another boarding point on request.

We offer you a navigation between the islands of the North Lagoon, then, at your wish, you can visit Murano, Burano, and Torcello, or Sant’Erasmo or Lazzaretto Nuovo. Fixed destination: the Baccan or the Canale di San Felice, where you can dive into the clean waters of the lagoon.

You can also choose the South Lagoon, sailing between the islands of San Giorgio, San Servolo and San Lazzaro, and then stop in front of the island of Poveglia, drop anchor and swim.
Continuing then for the Alberoni, it’s possible to stop at the edges of the “ex peocere”, once a mussel farm, and then go to visit Pellestrina or, why not, up to Chioggia, and savor the flavors of the famous fishing town.

If desired, it is also possible to skirt the entire Lido of Venice, in search of an unknown corner, a deserted beach, like the wild ones of Pellestrina.

Sea corners free from tourism where turtles still arrive and the water is clear.

Our sailor will take you where you like most, exploring corners of the lagoon otherwise not open to visitors, to discover the Venetian lagoon, the most authentic lagoon.

Venice boat tours

Private lagoon tours with a classic comfort boat, for nautical tourism, to visit all the sites of the lagoon, to swim, sunbathe, and even fishing!

The boat can also be rented for outings in the open sea and tours up to Caorle.

Duration: half day or full day

MAX 6 people

We also remind you of all the other boat tours of L’Altra Venezia, including the novelty of this year: Boat & Bike

For information and reservations: info@laltravenezia.it

Pubblicato in News | Contrassegnato | Lascia un commento

Venice apartment for sale

Venice apartment for sale

Elegant apartment in central Venice for sale.

Near the La Fenice Theater, in a calm and quiet area, recently renovated, bright and welcoming.

On the sixth floor with lift, it’s composed of an entrance, a kitchen, a living room, a master bedroom, and a bathroom with shower.

The attic, on the seventh floor, is composed of a guest room with space for two beds, and a small bathroom with bathtub.

Plenty of closets and furnished with Italian design objects and lamps.

The total surface is about 130 square meters.

It is possible to build an “altana” (rooftop terrace), of about 12 square meters, with a spectacular view over the rooftops of Venice.

Private negotiations. If interested please write to: info@laltravenezia.it

VIDEO: https://youtu.be/LRIAYQPbM5A

Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

VENEZIA, UN’ODISSEA

Venezia, un’odissea: Speranza, rabbia e il futuro della città

di Neal E. Robbins

Neal Robbins esamina Venezia, riflettendo sui cambiamenti che ha visto da quando l’ha incontrata per la prima volta agli inizi degli anni Settanta — allorché vi frequentò le scuole superiori ospitato da una famiglia veneziana — fino a poco tempo fa, quando, dopo quasi cinquant’anni e una carriera di giornalista internazionale, è tornato a vedere come la città ha resistito ed è cambiata.

Un ritratto suggestivo, coinvolgente e percettivo di Venezia, la città per eccellenza dove ci sono storie in ogni strada e in ogni porta d’ingresso, angolo e anfratto.

Nota su VENEZIA, UN’ODISSEA
di GIORGIO CROVATO, storico e segretario accademico di Ateneo Veneto:

Un’opera saggistica? Una guida? Un testo storico? Una narrazione autobiografica? C’è un po’ di tutto: un lavoro accurato, interessante, originale, pensato e realizzato da uno scrittore che ha vissuto a Venezia, studiato e lavorato in tutto il mondo. Da adolescente Neal Robbins ha frequentato per un anno un liceo classico in città, ospitato da una bella famiglia, papà, mamma e tre figli, che lo stesso autore a distanza di quasi cinquant’anni considera ancora come i propri genitori e i propri fratelli. Neal è un americano che diventa veneziano … Neal Robbins è l’Ulisse veneziano. E da veneziano offre a tutti la possibilità di comprendere meglio questa città speciale …Simbolica, ma autenticamente realistica, l’immagine riportata su Internet che ritrae Neal Robbins: a poppa di una imbarcazione tipica lagunare, un sandolo, in un canale veneziano, mentre voga “alla veneziana”.
L’esperienza lagunare di Neal parte all’inizio degli anni Settanta, quando il centro urbano vive forse gli ultimi momenti di normalità prima dell’invasione incontrollata dei cosiddetti turisti mordi e fuggi …. Per una questione strettamente familiare ho spesso riflettuto sulle finalità di due diversi profili professionali: giornalista e storico … Neal Robbins riassume e interpreta magnificamente queste due professioni intellettuali, mantenendo sempre l’unico obiettivo di “svelare l’enigma che è la Serenissima”, rispondendo a semplici domande con il supporto di altri veneziani, offrendo in più un elemento fondamentale, la passione.

… Neal coinvolge centinaia di abitanti della laguna, sia isole sia terraferma e li intervista. Un gruppo eterogeneo appartenente a ogni livello culturale e professionale, compresi anche i vecchi compagni di scuola, inserendo numerose e variegate citazioni di autorevoli studiosi di storia della Serenissima e di famosi scrittori del presente e del passato. Con la semplicità del saggio accorto, Neal affronta temi sensibili fondamentali, sia storiografici sia sociali sia ambientali, cercando di superare i luoghi comuni, le tradizioni inventate e i pregiudizi … 28 capitoli simpaticamente intitolati, un’originale coda finale, 11 intermezzi focalizzati sui contributi straordinari degli oltre 150 veneziani coinvolti nel racconto che sinteticamente riassume quelle che i sociologi indicano come le colonne portanti di una moderna comunità: Cultura, Economia e Politica (in ordine alfabetico). L’augurio comune è il futuro della città … è che Venezia continui nel futuro a illuminare il cuore di tutti.

Acquistabile presso la libreria Toletta Dorsoduro, 1214, 30123 Venezia (in inglese e italiano) oppure online: Libraccio, Ibs, BookDealer, Amazon.

Pubblicato in News | Contrassegnato | Lascia un commento

Tour laguna di Venezia in barca privata

NOLEGGIO MOTOSCAFO PRIVATO (CON PILOTA) PER ESCURSIONI IN LAGUNA E IN MARE

Tour laguna Venezia in barca

L’Altra Venezia propone un nuovo servizio dedicato a chi ama andare in barca e vuole vivere una giornata visitando la laguna o il mare di Venezia a bordo di un comodissimo motoscafo Boston Whaler Conquest.
Un servizio esclusivo che ti permette di vivere un’esperienza unica e visitare luoghi speciali.

Ti porteremo a fare il bagno nelle acque più pulite della laguna e a visitare isole fuori dai soliti circuiti turistici.
Perfetto per una giornata in barca per tutta la famiglia, per gruppi di amici o per coppie che vogliono vivere la Laguna di Venezia in modo autentico.

Laguna di Venezia

Itinerario

Si parte da Marina Fiorita, oppure da un posto a tua scelta tra Sant’Elena e il Lido di Venezia. È possibile anche salire a bordo da un altro posto concordato, il nostro marinaio verrà direttamente da te in hotel o in altro punto di imbarco su richiesta.

Ti proponiamo una navigazione tra le isole della Laguna Nord, poi, su tuo desiderio, è possibile visitare Murano, Burano e Torcello, oppure Sant’Erasmo o Lazzaretto Nuovo. Meta fissa: il Baccan o il Canale di San Felice, dove potrai tuffarti nelle acque pulite della laguna.

È possibile anche scegliere la Laguna Sud, navigando tra le isole di San Giorgio, San Servolo e San Lazzaro, per poi sostare davanti all’isola di Poveglia, buttare l’ancora e fare il bagno.
Proseguendo poi per gli Alberoni, è possibile fermarsi ai bordi delle “ex peocere”, una volta allevamento di mitili, per poi andare a visitare Pellestrina o, perché no, fino a Chioggia, e assaporare i gusti della famosa cittadina di pescatori.

Volendo è possibile anche costeggiare tutto il Lido di Venezia, alla ricerca di un angolo sconosciuto, una spiaggia deserta, come quelle selvagge di Pellestrina.

Angoli di mare liberi dal turismo dove ancora arrivano le tartarughe e l’acqua è limpida.

Il nostro marinaio ti condurrà dove più ti piace, esplorando angoli di laguna altrimenti non visitabili, per scoprire la laguna dei veneziani, la laguna più autentica.

Isole Venezia

Tour in laguna privati con una barca dal comfort classico, da turismo nautico, per visitare tutti i siti della laguna, per fare il bagno, prendere il sole e anche pescare!

La barca può essere noleggiata anche per uscite in mare aperto e tour fino a Caorle.

Durata: mezza giornata o full day

MAX 6 persone

Vi ricordiamo anche tutti gli altri tour in barca de L’Altra Venezia, compresa la novità di quest’anno: Barca & Bici

Per informazioni e prenotazioni: info@laltravenezia.it

Logo Altra Venezia
Pubblicato in News | Contrassegnato | Lascia un commento

Tour barca e bici in laguna di Venezia

TOUR BARCA & BICI

L’Associazione L’altra Venezia è lieta di presentare il nuovo servizio turistico nautico
Barca & Bici

Un’opportunità unica per vivere la laguna di Venezia in modo
sostenibile, divertente e sano!

Tour barca e bici a Venezia

Esplora le isole Lido, Sant’Erasmo, Punta Sabbioni e Lio Piccolo con la tua bicicletta a bordo delle nostre imbarcazioni modificate appositamente per trasportare in modo semplice e sicuro biciclette di ogni formato.
E se non hai la tua bici, puoi sempre noleggiarla grazie ai nostri partners.

Puoi scegliere tra diverse proposte di itinerario, con diverse durate, ma comunque sempre alla portata di tutti.

Puoi utilizzare il servizio barca hop on hop off (richiedi l’orario e le fermate) oppure, se siete un gruppo di minimo 10 persone, puoi richiedere un servizio e un itinerario personalizzato.

tour barca venezia

Un servizio Family-friendly, adatto a gruppi e amanti della vita in bicicletta.
Scopri gli angoli nascosti della laguna veneziana, dai panorami unici e in contatto con la natura. Pedala tra le stradine circondate da orti e valli da pesca di Sant’Erasmo, ammira la laguna Nord e visita il Lido di Venezia e le sue ville Liberty, le sue spiagge e quelle di Malamocco e Pellestrina.

Un nuovo modo di fare turismo sostenibile e di godere della laguna di Venezia da una prospettiva insolita!

Escursione laguna venezia
VENEZIA – Gita in laguna

Il servizio Barca & Bici è regolarmente usufruibile nei fine settimana, mentre negli altri giorni è attivo solo su prenotazione.

Per informazioni e prenotazioni: info@laltravenezia.it

Per scoprire tutte le nostre proposte: www.laltravenezia.it

Powered by

English version

Version française

Pubblicato in News | Contrassegnato , , | 2 commenti

Mostra collettiva “Le Sorgenti della Serenissima”

Mostra arte Venezia

La Galleria Sant’Eufemia di Venezia, con sede in Giudecca 597, è lieta di presentare un nuovo capitolo della serie di mostre dedicate al paesaggio,
in particolare a quello veneto.


Vie d’acqua, fiumi, navigli, torrenti alpini e canali salmastri, saranno il soggetto da cui gli artisti selezionati prenderanno ispirazione per dare forma al loro spirito creativo.

Un mondo che scorre tra rocce, campi, città ricche di storia, per confluire e riversarsi nel grande golfo che ha visto nascere la Serenissima.

La mostra sarà aperta dal 30 aprile al 14 maggio 2021 con orari:
lu-ma-gi-ve-sa 15.00 / 18.30
Inaugurazione venerdì 30 aprile dalle ore 16.30 


Galleria S. Eufemia, Giudecca 597, 30133 Venezia

Pubblicato in Esposizioni e Mostre | Contrassegnato | Lascia un commento

Venezia deve ridurre il numero dei suoi visitatori

Turismo a Venezia

Ho recentemente avuto l’occasione di leggere un interessante articolo su Venezia pubblicato dalla rivista francese Politis ( www.politis.fr/articles/2021/03/venise-doit-reduire-drastiquement-le-nombre-de-ses-visiteurs-42953 ), e il titolo di questo post è la traduzione dal titolo francese, ma sento di dover commentare quanto espresso in quell’articolo in quanto le cose non stanno esattamente così.

Devo confessare che leggendo l’articolo ho versato qualche lacrima, perché purtroppo è quasi tutto vero, ma mi permetto qualche considerazione.

Airbnb non è Il Male, e soprattutto non è l’unico. A Venezia ci sono moltissime agenzie che gestiscono appartamenti per conto dei proprietari affittandoli ai turisti, per cui alla fine il numero di appartamenti non a disposizione dei residente è semplicemente enorme.

In ogni caso non ha molto senso prendersela con i proprietari delle case, in fondo fanno i propri interessi come tutti: è chiaro che se affittando il loro appartamento ad un residente incassano 800€ al mese, mentre se lo affittano ai turisti incassano 3000€ al mese, non c’è da stupirsi (e neanche da colpevolizzarli) se scelgono la seconda opzione.

Semmai il problema è politico e amministrativo: bisognerebbe che ci fosse una legge che garantisca un numero minimo di appartamenti per residenti (obbligatori); un numero tale, ovviamente, che permetta alla città di avere una quantità di cittadini residenti che consenta a Venezia di definirsi appunto “città” e non “dormitorio per turisti”…

Venendo al problema del turismo di massa, ci sarebbe da parlarne per ore, ma diciamo che in essenza si restringe alla necessità di avere un turismo di qualità e non un turismo di quantità.

Uno dei problemi del turismo di massa è che ha un effetto a spirale devastante, nel senso che una volta che una destinazione comincia ad attirare quel tipo di turismo, poi continuerà a farlo sempre di più.

Pensiamo ad esempio all’effetto dei reportage su Venezia. Per carità, da un lato è bene che si parli dei suoi problemi, ma dall’altro lato ottengono un effetto negativo pericoloso: le persone di cultura che leggono i giornali e guardano i documentari, vedono quelle immagini di una Venezia invasa di turisti come cavallette e certo non gli fa venire voglia di andarci (non verrebbe neanche a me … io so che in realtà è solo una piccola parte della città che è invasa, ma chi guarda le foto sui giornali o le immagini in tv, vede solo la parte peggiore, non può sapere che non è tutto così), mentre le persone non di cultura che non leggono i giornali e non guardano i documentari, ma guardano Facebook, vedono sui social quelle foto (ritoccate) dei turisti a Venezia e si dicono “Ehi, anch’io voglio andare lì e fare quella foto così!”, ed ecco che il livello del turista che arriva è sempre più basso …

Come fare quindi per invertire il processo?

Ho sentito davvero tante proposte, le più disparate. Tipo far pagare una quota per entrare in città (come se fosse un museo invece di una città), ma questo significherebbe che solo i benestanti potrebbero permetterselo, e sappiamo bene che non necessariamente “ricco” significa “rispettoso” …

Poi c’è chi dice di mettere un numero massimo giornaliero di persone che possono entrare. Quindi si chiude tutta la città (come se fosse un riserva indiana) e solo un tot di persone al giorno può entrare. Ma anche questa non è ancora una soluzione, dato che non ci sarebbe alcun filtro di tipo qualitativo, ma solo quantitativo (per non parlare della difficoltà di mettere dei controlli a tutti gli accessi alla città).

Forse la proposta più interessante che ho sentito finora è quella di Marco Scurati ( flussiturismo.wordpress.com ) che fa leva su un meccanismo psicologico indiretto. In pratica la questione è: la stragrande maggioranza di chi fa turismo, diciamo “di basso livello”, vuole venire a Venezia semplicemente per andare in Piazza San Marco e farsi un selfie, mentre per chi fa turismo culturale andare in Piazza San Marco è cosa secondaria.
Per cui Scurati dice: “Chiudiamo solo la Piazza, non tutta la città, e mettiamo un numero massimo di persone al giorno che possono entrare in Piazza. Non a pagamento (che sarebbe discriminante) ma semplicemente con prenotazione obbligatoria. Per cui ogni giorno solo x persone possono entrare in Piazza (con prenotazione)”.
Avremmo due vantaggi diretti e uno indiretto.
Quelli diretti sono:

1) è molto più semplice controllare gli ingressi alla Piazza (sono solo 4) che non alla città intera

2) ci sarebbe molta meno gente che arriva in città.

Mentre il vantaggio indiretto (che è quello più interessante) è che limitando l’accesso solo alla Piazza si mette un filtro proprio a quel tipo di turismo di basso livello che non vogliamo, in quanto quel tipo di persone se vedono che non possono entrare in Piazza, sicuramente decideranno di non venire affatto a Venezia. Mentre le persone che fanno turismo culturale, non si faranno certo scoraggiare dal fatto di non poter visitare la Piazza, dato che sono piuttosto interessate a scoprire la Venezia autentica. Tra l’altro sarebbero invogliate a venire perché ci sarebbe meno turismo di massa in giro per la città.

Ma ovviamente, come tutte le proposte intelligenti, non è stata presa in considerazione …

Altro problema: mono-cultura turistica, cioè la città vive di solo turismo. Questo è un altro grave problema, che secondo me non è possibile risolvere. ma si potrebbe quanto meno limitare. Come? Ancora una volta garantendo un numero decente di cittadini residenti. Solo in un contesto con un numero sufficientemente grande di persone (e soprattutto “diversificate”) può nascere una struttura economica che si può auto-alimentare. Ed è solo abbassando i prezzi delle case che si può pensare di tornare ad avere un numero congruo di residenti. E ancora una volta è un problema politico e amministrativo …

Altra questione di cui si parla nell’articolo: “turismo sostenibile”. Clara Zanardi nell’intervista dice che secondo lei non è possibile fare “turismo sostenibile” a Venezia. Io dico di più: non è possibile fare “turismo sostenibile” da nessuna parte! Nel momento stesso in cui metti piede in un ecosistema (che sia naturale, sociale o culturale, poco cambia) lo stai inquinando, è inevitabile.

Quello che si può (e si deve) fare è di cercare di ridurre al minimo l’impatto devastante che inevitabilmente il turismo ha sempre, dovunque.
E a Venezia, in realtà, sarebbe più facile che altrove.

Inoltre la Zanardi dice che la Venezia autentica non esiste più. Ma questo vale dappertutto. Tutti i sistemi si evolvono, anche le tribù amazzoniche, ma questo non vuol dire che se entro in contatto con una tribù che però è diversa da come era un paio di generazioni prima, allora non è più autentica! E’ semplicemente la versione “autentica” di se stessa in quel momento.

Altro tema: le navi da crociera. Premesso che in realtà l’incidenza del numero di persone che arrivano dalle navi di crociera sul totale degli arrivi a Venezia è minimo (per non parlare del fatto che in realtà la maggioranza della gente che arriva con le navi da crociera, neanche scende dalla nave durante il periodo in cui è al porto …), per cui non è quello il problema.
Il problema vero è la fragilità dell’eco-sistema lagunare.
E’ di pochi giorni fa la notizia che tutti hanno salutato con grande gioia e senso di vittoria: le navi da crociere non possono più passare davanti a San Marco e ormeggiare nel porto della città.
In realtà non è cambiato quasi niente, perché comunque entreranno in laguna per andare ad ormeggiare al porto di Marghera …
Non ci siamo ancora.

L’unica vera soluzione è di fermarle prima di entrare in laguna. Realizzare un porto fuori dalle bocche di ingresso in laguna, e poi far arrivare i turisti in città (almeno quelli che lo vorranno) con barche adeguate alla laguna (tra l’altro creando posti di lavoro).

Insomma, in conclusione, certamente Venezia è una città complicata, ma non è impossibile trovare soluzioni per salvaguardarla, solo manca la volontà politica e l’interesse che non sia un interesse puramente economico.

Pubblicato in News | Contrassegnato | Lascia un commento