Sogno compassionevole, Jan Fabre interpreta la Pietà di Michelangelo

Jean Fabre la Pietà di Michelangelo a VeneziaJan Fabre torna a Venezia. E lo fa per stupire.
Dopo i workshop tenuti lo scorso marzo, il 1 giugno 2011, in concomitanza con l’apertura della Biennale, l’artista fiammingo presenterà cinque nuove sculture di grandi dimensioni presso la Scuola Nuova della Misericordia.

Tra le opere presentate, il pezzo forte è una personale rilettura della Pietà di Michelangelo. Fabre l’ha intitolata “Sogno compassionevole”. Cristo è raffigurato con il volto dell’artista e la Madonna ha quello di un teschio. Inoltre il Cristo è vestito in abito da sera e sembra avviato ad una rapida decomposizione, per via della presenza di insetti che indugiano sul suo corpo, mentre la mano destra è appoggiata ad un cervello.
Un’immagine forte, che farà discutere, ma che non vuole essere una mera  provocazione. Spiega infatti lo scultore che l’intento è di rappresentare le sensazioni di una madre che vorrebbe sostituirsi al figlio morto.

La fruizione delle sculture avverrà attraverso un rituale particolare: gli spettatori si dovranno difatti togliere le scarpe e, muniti di un paio di pantofole, potranno salire sulla pedana dorata ed immergersi nella visione dell’opera.

Cannaregio, 3599

Annunci

Informazioni su veneziavive

Guida Turistica, Fotografo, Cuoco, Blogger. Walter's links
Questa voce è stata pubblicata in Esposizioni e Mostre e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...